Finanziamento

Scade: 10 nov 2016
Archiviato

Bando reg.le “Concessione di contributi finalizzati alla realizzazione di formule organizzative di lavoro decentrato per introdurre e/o rafforzare modelli flessibili di telelavoro (es.: presso telecentri, domiciliare, postazioni mobili) per Enti pubblici”

Il Bando intende promuovere l’utilizzo del lavoro a distanza nelle sue varie modalità di effettuazione. Beneficiarie sono le Amministrazioni pubbliche, di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, del territorio piemontese. Persone destinatarie sono le lavoratrici e i lavoratori dipendenti (a tempo determinato, indeterminato, pieno o parziale) operative/i presso i soggetti individuati quali beneficiari.

Materia: 
Lavoro
Soggetti beneficiari: 

Amministrazioni pubbliche, di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, del territorio piemontese.

Tipologia finanziamento: 
Fondi statali
Pubblicazione: 
21 Lug 2016
Data pubblicazione BURP: 
21 Lug 2016
Note: 

A distanza di un decennio dall’introduzione dell’istituto del telelavoro in Regione Piemonte, l’esperienza del telelavoro è, sicuramente, da considerarsi in modo positivo in termini di efficienza e di efficacia, in quanto tale modalità lavorativa, insieme ad altri strumenti di flessibilità introdotti dall’Ente, permette di coniugare le esigenze delle/dei dipendenti con quelle dell’Amministrazione, con effetti sul miglioramento della qualità della vita delle lavoratrici e dei lavoratori che sicuramente si ripercuotono sulla qualità del lavoro e sul miglioramento delle prestazioni (cfr D.G.R. n. 36-7453 del 15/04/2014).

La lunga e consolidata esperienza della Regione Piemonte può essere trasferita, con le opportune contestualizzazioni, nelle altre pubbliche amministrazioni piemontesi, in particolare negli enti locali, tenuto conto di quanto stabilito dalla normativa nazionale citata nonché in linea con i recenti orientamenti nazionali ed europei su telelavoro e smart working.

A breve sarà disponibile una pagina dedicata all’intervento nella sezione PARI OPPORTUNITA’ÞCONCILIAZIONE VITA/LAVORO inserita nell’area tematica DIRITTI CIVILI del sito della Regione Piemonte, in fase di rinnovamento

Note presentazione domande: 

La domanda di contributi dovrà essere compilata in ogni sua sezione, stampata, firmata in originale dal Legale Rappresentante del Soggetto attuatore e scansionata per l’invio; l’invio dovrà avvenire unicamente da una casella di posta elettronica certificata (PEC) alla casella di posta elettronica certificata della Direzione Coesione sociale della Regione Piemonte: coesionesociale@cert.regione.piemonte.it, indicando nell’oggetto : “Bando telelavoro enti pubblici – anno 2016”. Maggiori informazioni sulla Posta Elettronica Certificata nella Regione Piemonte, nonché sul formato dei files da trasmettere, sono reperibili all’indirizzo http://www.regione.piemonte.it/boll_leggi/postacert/index.htm.

Importo in €: 
massimo € 20.000,00 nei rispetto di quanto indicato al punto “1 - DESCRIZIONE DELLE AZIONI AMMISSIBILI, DEI SOGGETTI BENEFICIARI E DELLE PERSONE DESTINATARIE” del Bando.
Contatti: 

Call Center 800333444

Struttura di riferimento: 
A1509A - POLITICHE PER LE FAMIGLIE, GIOVANI E MIGRANTI, PARI OPPORTUNITÀ E DIRITTI

Si segnala che il testo dei provvedimenti pubblicati nel sito non ha valore ufficiale per il quale si rinvia al Bollettino Ufficiale della Regione.